Nuovo contratto per il calzaturiero. Aumenti salariali minimi di 70 euro in tre anni

Nuovo contratto per il calzaturiero. Aumenti salariali minimi di 70 euro in tre anni

Fonti

·      Industriaitaliana.it

Assocalzaturifici ha siglato con Femca-Cisl, Filctem- Cgil e Uiltec-Ui l’ipotesi di accordo per il nuovo contratto nazionale del settore industriale calzaturiero, così da rinnovare quello scaduto a dicembre 2019. il contratto sarà applicato agli 80.000 dipendenti di circa 5.800 imprese e decorre dal 1° gennaio 2021 e avrà validità sino al 31 dicembre 2023.

L’intesa prevede un aumento sui minimi salariali di 70 euro (quarto livello), suddiviso in tre tranche: dal primo dicembre 2021, 25 euro; dal primo settembre 2022, 25 euro; dal primo luglio 2023, 20 euro. Viene confermato l’importo, a titolo di elemento di garanzia retributiva, a favore di dipendenti da aziende prive della contrattazione aziendale o territoriale che non percepiscano altri trattamenti economici individuali o collettivi. L’ammontare sarà pari a 300 euro lordi per gli anni dal 2021 e seguenti.

Viene incrementato al 32% il numero dei lavoratori che possono essere occupati con contratto di lavoro a tempo determinato rispetto al totale dei dipendenti a tempo indeterminato. Inoltre, tra le varie attività per le quali non si applica il limite temporale dei 24 mesi viene ricompresa anche quella svolta in quei periodi dell’anno solare nei quali le aziende si dedicano, oltre alla normale produzione, anche alla preparazione dei campionari. Questa attività è circoscritta a un periodo temporale massimo di 4 mesi nell’anno solare. 

Sul fronte del welfare infine viene confermato l’impianto contrattuale per la previdenza integrativa, Previmoda, mentre per la previdenza sanitaria, Sanimoda. 

“Siamo soddisfatti per l’esito della trattativa. Siamo sicuri che questo sia un ulteriore segnale di ripartenza per uno dei comparti produttivi più colpiti dall’emergenza pandemica. Il calzaturiero è uno dei settori trainanti del Made in Italy che nell’era precovid, valeva 14,33 miliardi di euro e a causa delle restrizioni imposte dal Covid -19 ha dovuto registrare la perdita di un quarto del fatturato, con un valore ridotto a 10,72 miliardi di euro. Tanti sono gli elementi in questo nuovo contratto che possono contribuire al rilancio della competitività delle nostre aziende. La condivisione delle criticità e delle riforme con le maggiori sigle sindacali è un passo importante in un momento delicato come questo della ripartenza”, commenta Siro Badon, presidente di Assocalzaturifici.

Data di pubblicazione

21 July 21

Tag

Speaker

Centro Studi

Condividi

Primo bilancio del MIMS, l’analisi del Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili

15 September 21

Fonti:·      Ilmondodeitrasporti.comIl titolare del dicastero, Prof. Enrico Giovannini, fa il punto...

Gigroup.it GI GROUP lancia un nuovo progetto per sostenere l’occupazione delle donne nella logistica

21 July 21

Fonti:·      Ilmondodeitrasporti.com·      Ansa.it·      Gigroup.itGi Group, la prima...

IIT e Camera di Commercio di Genova siglano un accordo per sostenere le attività di ricerca delle PMI

21 July 21

Fonti:·      Industriaitaliana.itL’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e la Camera di Commercio...

Nuovo contratto per il calzaturiero. Aumenti salariali minimi di 70 euro in tre anni

21 July 21

Fonti·      Industriaitaliana.itAssocalzaturifici ha siglato con Femca-Cisl, Filctem- Cgil e Uiltec-Ui...

Il nuovo CCNL logistica trasporto e spedizione

24 March 21

È stato sottoscritto oggi l’accordo di rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro logistica,...

Vaccini in aziende, priorità a lavoratori della logistica e trasporti

17 March 21

Le vaccinazioni nelle aziende potrebbero partire i primi di giugno, cioè quando verranno completate...

Close icon